Provenza: i luoghi che non puoi perdere(3)

Siamo quasi giunti al termine, questa è la nostra penultima tappa del meraviglioso viaggio nel sud della Francia. Sei curioso di scoprire cosa ti aspetta?

Itinerario Provenza

Se hai perso i precedenti articoli, ti riporto alla prima e la seconda parte.

Se invece sei interessato ad avere tutte le informazioni per organizzare un viaggio in Provenza, questo post fa al caso tuo.

Et maintenant… nous allons commencer!!! XD

Avignone Francia

Ti presento colei che è ritenuta la capitale della Provenza, Avignone.

Parlarne in poche parole è davvero difficile: una città in stile gotico, un tempo sede della chiesa cattolica ed oggi trasformata in città universitaria. Tantissimi sono i ragazzi (provenienti da ogni parte della Francia) che troverai lungo le strade di Avignone.

Prima di addentrarti in questa città ti consiglio di recarti al Tourist Information (si trova sulla strada principale, Cours Jean Jaures 41) dove, delle ragazze gentilissime ti forniranno una cartina con tutti i principali punti di interesse.

Bene, ora possiamo partire alla scoperta dei suoi tesori.

Palais des Papes Francia

Vagando tra le viuzze del centro incrocerai sicuramente un’imponente fortezza di pietra, si tratta del Palais des Papes, voluto da Benedetto XII.

E’ visitabile (non interamente) sia il Palazzo Vecchio che il Nuovo. L’idea che mi sono fatta di questa struttura è di quanto fosse lussuosa la vita dei papi… (si capisce che ne sono rimasta delusa?).

Una cosa che invece ho molto apprezzato sono i Jardin du Rocher des doms, adiacenti al Palazzo. Si tratta di un parco pubblico ricco di fontane, giochi per bambini e laghetti!
Se hai acquistato il biglietto “Palais des Papes + Pont St. Bènezet” hai la possibilità di visitare il celebre Pont d’Avignon.

Non si conosce il costruttore del ponte, ma una famosa leggenda narra che “il pastorello Bènezet udì delle voci che gli ordinavano di costruire un ponte che collegava il Rodano ad Avignone. Il ragazzo riuscì a convincere il vescovo riuscendo a sollevare una grande pietra da solo. La folla, presa dal grande entusiasmo, iniziò i lavori per la realizzazione del ponte.”

[ti consiglio vivamente di lasciare l’auto nei parcheggi fuori dalle mura, molte strade sono a traffico limitato]

 

Ombrelli colorati Avignone Francia

Mercato di Avignone Francia

***********************

Arles Francia

Circa 50Km ti separano da un’altra città famosa per la sua Arena, costruita per i combattimenti tra gladiatori, ma anche per Van Gogh, che dipinse molte delle sue opere proprio lungo le vie del centro: sto parlando di Arles.

Sono rimasta in questa città poche ore, non abbastanza per riuscire a farmi un’idea della sua bellezza.

Una cosa però è certa, colpisce subito per la sua tranquillità e per il tipico stile provenzale. Inoltre è un ottimo punto di partenza per andare alla scoperta della natura incontaminata della Camargue.

 [E’ obbligatorio lasciare l’auto fuori dalle mura del centro storico e proseguire a piedi]

Arles Francia Arles Francia

***********************

Moltissime varietà di fenicotteri rosa, cavalli bianchi e tori vagano liberi per la Camargue, una zona poco distante da Arles.

Quest’area, dove il fenicottero è l’ospite principale, ci sono più di 300 specie di animali.

Ammirarli mentre prendono il volo è uno spettacolo che non riesco a descriverti.

Fenicotteri Camargue Francia

Partendo da Arles, segui le indicazioni che ti porteranno fino alla zona protetta del Parc Naturel Règional de Camargue.

Nelle vicinanze troverai il Parc Ornithologique de Pont de Gau, preparati perché ti aspettano bellezze  di questo tipo:

Fenicotteri Camargue Francia

Cavalli bianchi Camargue Francia  Girasoli Camargue Francia Tori Camargue Francia Libellula

Se non hai fatto il pieno di fascino, bastano 5 chilometri  per “lasciare” la Francia e raggiungere un “pezzo di Spagna” a Les Saintes Maries de la Mer.

Ti aspettano immense spiagge, la passerella in riva al mare, i negozi di souvenir e tanti gitani (ufff).

Come mai ti stai chiedendo? Questo perché nella cripta della chiesa Eglise des Stes. Marie Notre Dame de la Mer si trova la statua dell’ancella Sara, la patrona venerata dai zingari.

Les Saintes Maries de la mer Francia

Les Saintes Maries de la mer Francia Les Saintes Maries de la mer Francia  Les Saintes Maries de la mer Francia

L’ultima tappa di questa zona, poco conosciuta ma che merita davvero, sono le Saline de Giraud. Sarà che non avevo mai visto delle saline in vita mia, quindi ammetto di essere rimasta a bocca aperta.

Delle immense montagne di sale e piscine color rosa che al tramonto si accendono di un color rosso scarlatto.

Raggiungerle è stato abbastanza complicato, ho dovuto chiedere spesso informazioni perché non ho trovato segnalazioni lungo la strada e l’app Waze non le riconosceva.

Ma se riesci a scovarle, ti saluteranno cosi:

le Saline de Giraud Francia

le Saline de Giraud Francia le Saline de Giraud Francia  le Saline de Giraud Francia

 ***********************

hotel des granges Francia

Hotel des Granges è posizionato appena fuori dal centro di Arles, immerso nella natura e nel silenzio più assoluto della Francia. Questo hotel non manca davvero di nulla: piscina (compresa nel prezzo), staff gentile e disponibile (credo sia a conduzione familiare), camere pulite, spaziose e a prezzi contenuti. [possiede un ristorante, parcheggio auto e Wifi in camera]

E anche per oggi siamo giunti al termine.

Hai visto che posti meravigliosi? *_*

Ti aspetto la prossima settimana con l’ultimo appuntamento! Arriveremo vicino Marsiglia e raggiungeremo un paesaggio straordinario, les calanques.

 

Articoli correlati:
PROVENZA: come organizzare un viaggio?
PROVENZA: i luoghi che non puoi perdere – 1 parte
PROVENZA: i luoghi che non puoi perdere – 2 parte

lascia-un-commento-con-logo

22 Comments
  • Viaggiando con Bea
    Posted at 11:30h, 02 novembre Rispondi

    Che posti meravigliosi. La Francia, nostra vicina di casa, è un vero incanto. Anch’io l’ho girata in lungo ed in largo e chi si può dimenticare il Palazzo dei Papi di Avignone o i fenicotteri che regnano sovrani in Camargue o l’arena di Nimes. Bellissime foto in questo tuo tour. Che bei ricordi 🙂 Se hai voglia di curiosare deliziati a guardare anche il mio post dove fenicotteri rosa dominano il mio piccolo spazio virtuale. Ciaoo

    https://viaggiandoconbea.com/2015/01/21/camargue-un-lungo-weekend-per-rigenerarsi/

    • iltuopostonelmondo
      Posted at 14:45h, 02 novembre Rispondi

      Eh si, ricordo di aver letto i tuoi articoli tutto d’un fiato! A quanto pare ce ne siamo innamorate entrambe, e la cosa non mi meraviglia affatto! Un bacione ?

  • gipsy1984
    Posted at 11:41h, 02 novembre Rispondi

    Che posti bellissimi!

    • iltuopostonelmondo
      Posted at 14:44h, 02 novembre Rispondi

      Siiiii ? alcuni sono talmente belli che non sono in grado di fare una lista con i miei preferiti, dico davvero! A te ha colpito qualcuno in particolare? ?

      • gipsy1984
        Posted at 14:47h, 02 novembre Rispondi

        Io non sono mai stata in Provenza ma vorrei tanto vedere Valensole in primavera quando la lavanda è in fiore, poi vorrei vedere Arles perché amo Van Gogh e perché è vicino alla Camargue

        • iltuopostonelmondo
          Posted at 14:49h, 02 novembre Rispondi

          Bhe, non sei mai stata in Provenza ma vedo che hai già le idee ben chiare! ?
          Approvo in pieno, all’andata magari fai una sosta alle Gole del Verdon, li ti rifarai completamente gli occhi (se non sai di cosa sto parlando, guarda i precedenti articoli) ?

          • gipsy1984
            Posted at 14:51h, 02 novembre

            Il problema di noi viaggiatori è che con la mente abbiamo già creato gli itinerari in ogni angolo di mondo, in attesa che arrivino i soldi per iniziare il viaggio ?

          • iltuopostonelmondo
            Posted at 14:52h, 02 novembre

            ? hai ragione! Come darti torto ?

  • Silvia - The Food Traveler
    Posted at 13:52h, 02 novembre Rispondi

    Ah, lo aspettavo con ansia questo post, e sono contenta che Avignone ti sia piaciuta! Io me ne sono innamorata subito 🙂
    Hai visto quante stanze aveva il Palazzo dei Papi e che vita non esattamente sobria facevano???
    Alla prossima tappa!

    • iltuopostonelmondo
      Posted at 14:43h, 02 novembre Rispondi

      Ciao Silvia! Lo aspettavi ed accoti accontentata: Avignone è molto più grande di quello che mi immaginavo e la vita svolta all’interno del Palazzo dei Papi è davvero assurda!
      Ma ricchezze a parte, merita sicuramente qualche giorno per essere visitata al meglio? non trovi? ?

  • flavia ricciuti
    Posted at 17:20h, 02 novembre Rispondi

    Aaaahhhh…Arles <3 Van Gogh <3 <3 <3

  • L'OrsaNelCarro Travel Blog
    Posted at 18:12h, 02 novembre Rispondi

    In tutte le foto del palazzo dei papi che ho visto ingiro c’è sempre quella coda terribile! O_o
    Stupenda la Camargue, non hai fatto un trekking a cavallo nel parco? *_* Io ci andrei solo per quello!
    Vorrei un etto di quel finocchietto particolare….la varietà selvatica “IlTuoPostoNelMondo” 😀 😀
    Un bacio!

    • iltuopostonelmondo
      Posted at 14:44h, 05 novembre Rispondi

      Ahahahahaha mi impegno tantissimo ma tu “mi sgami” sempre con il logo! ?
      La cosa ad Avignone era all’ordine del giorno, fortunatamente sono tutte abbastanza scorrevoli.
      Il trekking non l’ho fatto, sia per il gran caldo che per il costo troppo elevato: ho preferito ammirare i cavalli allo stato brado, è meraviglioso! ❤️

  • inworldshoes
    Posted at 10:30h, 03 novembre Rispondi

    Wow un vero e proprio viaggio nei ricordi per me. Ho toccato tutte queste tappe tranne saline de giraud che sembrano essere bellissime con quel colore rosa! ?
    Ad avignone ho canticchiato continuamente la canzoncina del ponte, stampata anche su molte magliette in vendita nei negozi mentre arles non mi ha colpito molto! Chissà perché…
    Un bacione cri!!!

    • iltuopostonelmondo
      Posted at 14:42h, 05 novembre Rispondi

      Di questa tappa, ammetto che Arles anche a me è quella che mi ha colpito di meno. Forse perchè quando vedi certe meraviglie come La Camargue o le saline, tutto sembra essere cosi “superficiale” ?
      Un bacione a voi ragazzi!!! ?

  • Claudia B. Voce del Verbo Partire
    Posted at 18:39h, 07 novembre Rispondi

    Cristina che spettacolo! Mi sono persa nei luoghi che hai visitato, nei colori…mi sembrava di sentire persino i profumi ed il vento, durante la lettura.
    Ad Avignone ed Arles sono stata di passaggio alcuni anni fa, in due diversi tour: le ho trovate davvero belle, ma con il pochissimo tempo a disposizione non ho avuto modo di visitarle a fondo, ad esempio non mi è stato possibile entrare al Palazzo dei Papi (ma so che avrei reagito esattamente come te).
    Per quanto riguarda le saline, trovo che siano sempre una visita straordinaria, anche per capire fino in fondo un lavoro di cui spesso non si sa poi tanto; noi abbiamo fatto sosta a quelle di Sicciole, in Slovenia, a dicembre di due anni fa, e le ho trovate molto interessanti, nonostante in quel periodo non vi fossero i colori sorprendenti che hai immortalato tu.
    Ti seguirò volentieri anche nell’ultima tappa del tuo viaggio: sorprendimi con Marsiglia!
    A presto,
    Claudia B.

    • iltuopostonelmondo
      Posted at 17:33h, 08 novembre Rispondi

      Grazie Claudia, riuscire a trasmetterti queste sensazioni mi fa brillare gli occhi. Avignone ed Arles non sono state le mie tappe preferite ma non c’è stato luogo, neanche uno, che non mi sia piaciuto affatto.
      Se non sei riuscita a vedere il Palazzo dei Papi non hai perso nulla secondo me, io sono rimasta delusa.
      Le saline sono una cosa straordinaria, quelle di Sicciole ancora non le ho viste ma spero di rimediare quanto prima XD
      Aspetto con tutto il cuore un tuo passaggio nell’ultima tappa di domani! Chissà se ci sarà Marsiglia ad accoglierti…
      A presto

  • PROVENZA: i luoghi che non puoi perdere(4) | Il tuo posto nel mondo
    Posted at 09:11h, 09 novembre Rispondi

    […] della Costa Azzurra, tesori naturali come Le Gorges du Verdon, campi di lavanda nella zona del Valensole, vigneti e mercatini nella terra del Vaucluse, borghi medievali, fauna e campi variopinti nella […]

Post A Comment

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: