Giardino dei Tarocchi : un parco surreale a Capalbio

“Il mio nome è Niki. Niki de Saint PhalleE faccio sculture monumentali.  Il mio giardino è un posto metafisico e di meditazione, un luogo lontano dalla folla e dall’incalzare del tempo, dove è possibile assaporare le sue tante bellezze e i significati esoterici delle sculture. Un posto che faccia gioire gli occhi ed il cuore”

Alberi Giardino Tarocchi

Ora chiudi gli occhi e lasciati ispirare dal meraviglioso Parc Guell di Barcellona, unito alle mostruose opere del Parco di Bomarzo.

Ora riaprili.

Cosa vedi?

Qualsiasi cosa tu abbia immaginato, puoi trovarla nei pressi di Pescia Fiorentina (frazione di Capalbio), in uno dei parchi più assurdi realizzati dall’artista Niki de Saint Phalle: il Giardino dei Tarocchi.

Per la realizzazione di tale meraviglia, la scultrice impiegò ben 17 anni prima di concretizzare il suo sogno e poterlo aprire al pubblico.

Colori intensi e vivaci caratterizzano queste 22 sculture realizzate in acciaio e rivestite di vetri, ceramiche e specchi (interamente tagliati a mano).

La ruota della fortuna, la papessa e il mago Giardino Tarocchi

La ruota della fortuna, la papessa e il mago

Varcata la porta d’ingresso, ti sembrerà di entrare in un mondo surreale, magico per lo più!

Ad accoglierti nella piazza principale, circondata da panchine e una grande quantità di verde, troviamo la fontana con la Papessa (la bocca spalancata in cui sgorga l’acqua ricorda tanto l’Orco del Parco dei Mostri di Bomarzo), il Mago e la Ruota della Fortuna (scultura meccanica realizzata da Jean Tinguely, suo marito).

La scultura che ho maggiormente apprezzato è stata l’Imperatrice: sarà che al suo interno è racchiusa una piccola abitazione con tanto d’ingresso, cucina, bagno e camera da letto. Si dice che Niki dimorò qui durante i lavori.

Io la trovo fantastica: le pareti sono interamente rivestite da frammenti di specchi!

La casa di Niki - camera Giardino Tarocchi

La casa di Niki - vasca da bagno Giardino Tarocchi La casa di Niki Giardino Tarocchi

Questo giardino è una continua sorpresa: lungo il cammino infatti, abbassando lo sguardo, noterai numeri, pensieri e messaggi che la scrittrice Niki de Saint Phalle ha voluto incidere sulla pavimentazione.

Visitare il Giardino dei Tarocchi è stata un’esperienza meravigliosa che ti consiglio di provare se ami le opere di Gaudì, se vuoi passare una giornata alternativa o semplicemente, per evadere dalla realtà!


Come arrivare  

Prendere l’autostrada in direzione Civitavecchia. Uscire a “Chiarone – Pescia Fiorentina”. Prosegui in questa direzione fino alle segnalazioni del Giardino dei Tarocchi.

Altre indicazioni

Da aprile ad ottobre il parco apre dalle 14.30 alle 19.30. Nei mesi successivi dalle 8 alle 16.

Il tempo per visitare il parco è di circa 2 ore.  L’ingresso è a pagamento.

Per tutte le altre informazioni visita il sito ufficiale del parco.

 

Lascia un commento | Il tuo posto nel mondo

 

 

 

14 Comments
  • Stamping the world
    Posted at 09:20h, 06 luglio Rispondi

    Ho sempre sognato visitare questo posto! È la statua con dentro la casetta è fantastica!

    • cristina
      Posted at 17:23h, 07 luglio Rispondi

      Hai visto che carino? I bambini erano ipnotizzati dai mille colori e tutte queste forme artistiche (io gli andavo dietro chiaramente ahaha).

  • Bruna Athena
    Posted at 09:48h, 06 luglio Rispondi

    Questo parco è nella mia lista dei desideri da quando ne ho scoperto l’esistenza, piuttosto recente a dire il vero. Anche Bomarzo non l’ho visto ancora, purtroppo 🙁

    • cristina
      Posted at 17:21h, 07 luglio Rispondi

      Come ha giustamente detto “Orsa”, Bomarzo + Giardino dei Tarocchi in giornata non è fattibile, ma sono due mete che meritano una visita, soprattutto con queste giornate di sole! *_*

  • Celeste
    Posted at 09:52h, 06 luglio Rispondi

    Mi hai dato una tappa da aggiungere ad un fine settimana che vorrei fare tra Pitigliano ed Orbetello!
    Grazie mille 😉

    • cristina
      Posted at 17:18h, 07 luglio Rispondi

      Ohhh che onore! Hai segnato tutte le informazioni sul tuo “diario di bordo”?
      Se hai altre domande, chiedi pure! :*
      PS poi mi darai tu qualche dritta per Orbetello!

  • L'OrsaNelCarro
    Posted at 11:06h, 06 luglio Rispondi

    Ce ne sono di cose curiose in Italia tutte da fotografare! A volte è più piacevole una visita in un posto del genere che in un noiosissimo e truce museo con gli addetti che non vedono l’ora di timbrare e chiudere bottega 😛
    Però fatti nella stessa giornata Bomarzo+giardino dei Tarocchi torni a casa completamente sparaflesciata 😀 😀
    Stavo dicendo che mi piaceva la foto del cavallo…poi ho letto il titolo dell’opera XD
    Bacione, buona giornata 😉

    • cristina
      Posted at 17:17h, 07 luglio Rispondi

      ahahah che occhio con la scelta della foto! XD
      Bomarzo + Giardino dei Tarocchi in giornata anche NO, però concordo che potrebbe essere un’ottima soluzione rispetto ai musei…
      A me il Giardino dei Tarocchi ha trasmetto molta allegria!
      Un bacione Dani :*

  • Alessia
    Posted at 12:03h, 06 luglio Rispondi

    Surreale..deve essere un’esperienza parecchio forte. E poi non è molto lontano da Roma, potrei davvero andare e tornare in giornata 😉 Grazie per l’idea!

    • cristina
      Posted at 17:13h, 07 luglio Rispondi

      Ciao Ale! Si, io ho fatto proprio cosi.
      Sono partita e rientrata comodamente in giornata, è assolutamente fattibile! Un bacione :*

  • Silvia Demick
    Posted at 12:50h, 08 luglio Rispondi

    E’ da un po’ che voglio vedere questo posto. Mi sembra già bellissimo in fotografia, figuriamoci dal vivo!

    • cristina
      Posted at 13:37h, 14 luglio Rispondi

      E’ vero Silvia, ci sono dei posti che puoi stare a fotografarli per ore ma non renderanno mai giustizia a quello che hanno visto i tuoi occhi.
      Il Giardino dei Tarocchi è un luogo surreale pieno di colori e fantasia, ecco!
      Un bacione .*

  • Roberta
    Posted at 15:07h, 10 luglio Rispondi

    Non ci sono mai stata! Assurdo!! Ne avevo già sentito parlare e sinceramente mi ispira moltissimo l’idea di perdermi tra sculture surreali come queste. Magari prima o dopo un tuffo 😀

    • cristina
      Posted at 13:39h, 14 luglio Rispondi

      Io sono stata una sciocca a non pensarmi, ma molti turisti erano li con il costume XD
      Vedi? potevo benissimo fare un tuffo e poi rilassarmi in questi giardini… sigh!
      Roberta, mi raccomando, non fare lo stesso sbaglio! XD

Post A Comment

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: